• sabato 13 Agosto 2022 09:29

 

Sono felice di apprendere che la Società Internazionale per la Ricerca sulla Sindrome Down, nella Conferenza appena conclusasi in California, ha approvato a larga maggioranza la candidatura di Roma ad ospitare la prossima edizione della Conferenza Mondiale nel 2024”.
Lo ha dichiarato ier il sindaco di Roma, Roberto Gualtieri.
Fra due anni la Capitale potrebbe ospitare, dunque, uno dei più rilevanti eventi che riguardano la più diffusa anomalia genetica dell’uomo.
Non esistono statistiche certe circa la diffusione in Italia delle persone affette dalla Sindrome di Down: la stima più attendibile parla di un bambino affetto ogni 1.200 nati, il che porta il totale potenziale a circa 500 nati con la Sindrome di Down ogni anni. Il totale viene stimato, quindi, in 38mila persone Down in Italia. Da sottolineare come l’Associazione italiana delle Persone Down denunci come solo il 13% dei Down abbia un lavoro e un regolare contratto.
Aggiunge Gualtieri: “Una candidatura che abbiamo convintamente sostenuto per un evento che riunirà medici e ricercatori da tutto il mondo, ma che coinvolgerà anche le famiglie e il mondo del volontariato con interventi di formazione e informazione. Ringrazio il professor Eugenio Barone e i colleghi della rappresentanza italiana per il successo ottenuto e il Presidente della Trisomy 21 Research Society William Mobley”.
La Sindrome di Down, nota come Trisomia 21, è un’anomalia genetica che si manifesta quando le cellule del soggetto affetto presentano tre copie, anzichè due, del ventunesimo cromosoma, il più piccolo fra i cromosomi umani.
Questa Sindrome causa un ritardo nelle capacità cognitiva dell’individuo e nella sua crescita fisica. Oltre le particolari caratteristiche del viso, fra le conseguenze più impattanti della Sindrome di Down, il 60-80% dei bambini affetti presenta deifici uditivi; edal 40 al 45% cardiopatie congenite.
L’Organizzazione Mondiale della Sanità stima che ogni anno nascano da 3mila a 5mila bambini affetti da questo disturbo cromosomico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.