• lunedì 3 Ottobre 2022 20:10

Incendio alla Pisana. Bloccato un piromane

Lug 18, 2022 ,

Sei roghi a Roma in una sola giornata con ripercussioni pesanti sul traffico del weekend. E, forse, un possibile fermo di un sospettato da parte delle forze dell’ordine.
Si inizia all’alba, verso le 5 di mattina, quando le fiamme distruggono il giardino sensoriale per disabili dentro il Parco di Torre Maura. Poi, rogo, il terzo in pochi giorni, al Parco del Pineto. Uno, il secondo in altrettanti pochi giorni, alla Pisana; un altro nell’adiacente Valle Galeria; il quinto registrato a Montesacro e, infine, uno in zona Pontina.
Brucia via della Pisana: il rogo, con dense colonne di fumo, intervento dei Vigili del Fuoco con un canadair di supporto e squadre della protezione civile, sarebbe scoppiato dentro la Tenuta dei Massimi con chiusura di un paio di strade e blocco della linea 808 di Atac.
Stando a quanto trapelato – le forze dell’ordine non hanno per ora fornito dettagli o conferme ufficiali – per questo incendio è stata feratauna persona trovata nelle vicinanze delle fiamme sospettata di essere il piromane della Pisana.
Nei giorni scorsi, erano andate a fuoco aree in via della Pisana e, prima ancora, sempre nello stesso quadrante, il maxi rogo al TMB di Malagrotta. Ieri, in tarda mattinata un primo rogo a via di Quarto di Galeria seguito da quello più grave, all’ora di pranzo alla Tenuta dei Massimi.
Decisamente molto grave il rogo dell’alba nel VI Municipio, a Torre Maura. Qui ad andare distrutto è stato il giardino sensoriale destinato a soggetti con disabilità psichica di via delle Rupicole. L’area verde un orto botanico dove i disabili potevano fare giardinaggio, ortoterapia e aroma terapia, era stata inaugurata all’inizio di maggio scorso. Tutto è andato distrutto in pochissimo tempo. “A chi ha lavorato tanto a quel progetto e a chi lo frequentava tutti i giorni dico che faremo una seconda festa per aprirne uno nuovo e più bello di prima”, ha commentato l’assessore ai Servizi sociali del Campidoglio, Barbara Funari. Il presidente del Municipio, Nicola Franco (FdI), racconta di essere stato svegliato all’alba dai cittadini che avevano iniziato a spegnere le fiamme da soli. L’area è stata messa in sicurezza ma, spiega Franco “Il problema è che sono rifiuti speciali e temo ci vorrà del tempo per farli rimuovere”. Mancavano le telecamere, non necessarie vista la destinazione sociale dell’area verde ma “ma mi adopererò per farle mettere – aggiunge il Presidente del VI – come una recinzione più alta intorno a tutto il parco e un cancello con orari di apertura e chiusura. E questa è una sconfitta per tutti, dover chiudere un’area che dovrebbe essere sempre aperta e fruibile per colpa dei vandali”.
All’ora di pranzo, fiamme a Serpentara, nel III Municipio: gli incendi sono arrivati a lambire Largo Labia e il viadotto dei Presidenti che è stato chiuso al traffico.
Le fiamme poi si sono riaffacciate al Parco del Pineto, chiuso a metà pomeriggio dai Vigili del Fuoco. Si tratta della stessa area che, una decina di giorni fa, era andata a fuoco causando la distruzione di svariati ettari di area boschiva e l’evacuazione per una giornata intera di alcune case nella zona.
Pesanti le ripercussioni sul traffico per l’ultimo rogo a Roma, a via degli Eroi di Rodi sulla Pontina. L’incendio è divampato intorno alle 17, proprio nell’ora del rientro dal fine settimana obbligando alla chiusura per mezz’ora circa della Pontina.
Non bastasse Roma, km di coda sulla A1 Roma-Napoli fra Anagni e Colleferro per un altro rogo con uscite consigliate a Ferentino e Colleferro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.