• domenica 16 Maggio 2021 23:05
Rocca di Papa

È un po’ il belvedere di Roma: da Rocca di Papa, infatti, si gode una delle più belle e intense viste della Città Eterna. Ed è uno dei cinque comuni con più di 15mila abitanti della Provincia di Roma che domenica 4 e lunedì 5 ottobre vedrà i suoi cittadini eleggere il nuovo Sindaco dopo che il primo turno si era concluso con un testa a testa fra i primi due candidati e la necessità del ballottaggio.

Per Rocca di Papa, come per Ariccia, si tratta di un voto anticipato: nel 2016 era stato eletto sindaco Emanuele Crestini, alla guida di quattro liste civiche, che al ballottaggio aveva battuto con oltre il 63% la candidata del Pd, Marika Sciamplicotti, che si era fermata a poco meno del 37%. Crestini, poi, era deceduto il 21 giugno 2019 a causa delle conseguenze dell’incendio del palazzo comunale dal quale era uscito per ultimo, finendo per danneggiare irreparabilmente l’apparato respiratorio, dopo essersi assicurato che tutti, assessori, dipendenti e visitatori, fossero ormai al sicuro. Il gesto di Crestini aveva spinto l’allora ministro dell’Interno, Matteo Salvini, ad avanzare la proposta di conferire al Sindaco eroe una medaglia d’oro al valor civile.

Ad affrontarsi saranno la vicesindaco uscente e candidata per quattro liste civiche, Veronica Cimino, che ha concluso il primo turno in testa con il 27,46%; contro Massimiliano Calcagni, presidente uscente del Consiglio comunale, candidato del centrodestra “classico” e di una lista civica, che si è fermato al 25,85%.
Terza è arrivata Elisa Pucci, consigliera comunale uscente, che con le sue tre liste civiche ha raggiunto il 19,34%. Quarto, Andrea Croce, candidato del Pd, che si è fermato appena sopra il 19%. Penultimo, Marco D’Antoni, del Movimento 5Stelle, che ha di poco superato il 4%; e ultimo, staccato di soli tre voti da D’Antoni, Enrico Fondi candidato di tre liste civiche.

Da un punto di vista dei voti ai partiti, in questa tornata elettorale sono tornati ad affacciarsi i partiti tradizionali: primo partito della città è la Lega che nel 2016 non era presente col proprio simbolo e che in questa tornata ha incassato 891 voti, pari all’11,92%. Rocca di Papa è comune con liste civiche stabili: c’erano nel 2016 e ci sono oggi Insieme per Rocca di Papa, Aperta Mente e Viviamo Rocca, tutte schiera con la Cimino. La prima, Insieme per Rocca di Papa, risulta la seconda forza politica del paese con 857 voti pari all’11,46%. Terzo il Pd che, rispetto al 2016, vede più che dimezzati i suoi consensi scendendo da 1624 voti di quattro anni fa (22,34%) ai 718 di questa tornata elettorale, pari al 9,6%.
Per trovare nuovamente un partito tradizionale, si scende al quinto posto appannaggio di Fratelli d’Italia, non presente nel 2016, che con 544 voti raccoglie il 7,28%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *