• domenica 5 Febbraio 2023 22:08

Centri di raccolta: Ama verso il raddoppio. Proteste in periferia

Si raddoppia o quasi: da 12 centri di raccolta, il Campidoglio e Ama progettano di arrivare a 21 aree in totale dedicate alla raccolta dei rifiuti a disposizione dei cittadini.
Dodici sono quelli esistenti, uno è in costruzione e altri otto sono in progettazione con fondi da trovare nel Piano nazionale di Ripresa e Resilienza cui si dovrebbe attingere anche per ristrutturarne due.
I dodici già esistenti sono noti: uno ciascuno nei Municipi II, IV, V, VII, XI e XIV. Due invece per il III, il IX e il X.
A questi, ne va aggiunto uno in costruzione, nel VI Municipio a via del Casale Cerroncino. Poi, Ama e Campidoglio ne hanno altri otto in gestazione. Sono tutti da realizzare con i soldi del PNRR e sono uno per Municipio: IV, V, Vi, IX, X, XII, XIII e XV. Alla fine, se andassero tutti in porto, il IX e il X Municipio ne avrebbero tre, due ciascuno i Municipi III, IV, V e VI. Uno solo, invece, per il II, VII, XI, XII, XIII, XIV e XV.
Il piano del Campidoglio, oltre il termovalorizzatore che è l’architrave centrale su cui costruire la strategia di uscita dalla continua emergenza rifiuti, prevede la realizzazione degli 8 nuovi centri di raccolta e la ristrutturazione di due degli esistenti – Lido di Ostia e Corviale – con un costo totale stimato in 32 milioni di euro, 10 sul PNRR e 22 sul piano investimenti di Ama.
Insieme a questi due elementi, ce n’è un terzo, la realizzazione di due impianti di digestione anaerobica della frazione organica rispettivamente in località Casal Selce e Cesano, più altri due di selezione e valorizzazione della carta e della plastica, rispettivamente a Ponte Malnome e Rocca Cencia. Spesa totale per questi 4 nuovi impianti: 161 milioni di euro, di cui 123 finanziati dal Pnrr e 38 con fondi provenienti dal piano degli Investimenti di Ama.
E se ci sono i comitati del no a tutto, accuratamente coltivati da alcune forze politiche, c’è anche chi non combatte a priori contro la presenza di un Centro di raccolta Ama, anzi, lo vorrebbe e ha anche fatto richiesta per crearne uno vicino al quartiere. «Ma non in mezzo alle case». È il caso dei residenti di Corcolle Est, nel VI Municipio: hanno presentato ricorso al Tar contro la decisione del Comune di creare un nuovo centro in via Ripatransone.
Sarà grande come un campo di calcio, servirà circa 100mila utenti e creerà problemi logistici e di traffico considerando che c’è una sola strada di entrata e una di uscita nel quartiere” spiega Vito Bretti, uno dei residenti firmatari e consigliere del comitato di quartiere Giardini di Corcolle. E aggiunge: “Corcolle Est ha circa 4mila abitanti, l’arrivo di così tanti utenti nelle nostre strade creerebbe il caos”. Il comitato aveva proposto di creare il Centro in via Lunano, dove c’è una vecchia scuola, uno spazio insomma che andrebbe ristrutturato.
IL RICORSO
Il ricorso è stato iscritto al ruolo il 27 maggio. I residenti da tempo denunciano l’assenza di servizi di quartiere e anche nel ricorso si parla della «pessima situazione della viabilità: strade strette, senza marciapiedi, prive di una corretta segnaletica stradale, scarso livello di sicurezza veicolare e pedonale, mancanza di parcheggi pubblici». Uno dei problemi affrontati nel ricorso è l’entrata e l’uscita del quartiere sulla strada provinciale via Prenestina Polense, senza ulteriori sbocchi, «che avviene con due sole strade a senso unico, in entrata mediante via Fermignano, e in uscita mediante via Ripatransone» la strada dove sorgerà il centro di raccolta e dove passano anche i bus della linea Atac. «Inoltre – spiega il comitato – il centro di raccolta sarà adiacente a numerose case e prossimo a una struttura terapeutica di recupero per minori». Per questi motivi i residenti chiedono l’annullamento della deliberazione della giunta capitolina n.32 del 10 febbraio limitatamente al progetto di realizzazione del centro di raccolta via Ripatransone/via Petriolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *