• domenica 4 Dicembre 2022 17:00

C’è tempo fino alla mezzanotte del 14 ottobre per presentare in Campidoglio la domanda per partecipare al bando che assegna 22 postazioni per la festa della Befana a piazza Navona, edizione 2023.
Il bando – sono le 22 postazioni sono quelle rimaste deserte nel bando Raggi del 2017 – è stato presentato ieri, in Campidoglio, dall’assessore alle Attività produttive, Monica Lucarelli.
L’obiettivo è il rilancio della festa” ha spiegato l’Assessore, dopo le due edizioni deserte del 2018 e 2019 e quelle saltate per il Covid nel 2020 e 2021.
Le 22 postazioni, su 64 in totale, saranno divise in 5 commerciali (di cui 2 per giochi e tre per prodotti editoriali e libri), 7 artigianali (di cui 5 per alberi, addobbi e presepi e 2 per giocattoli), 4 commerciali alimentari tradizionali regionali e 6 per articoli da regalo (legno, vetro e ricami) con un punteggio previsto più alto se si tratta di artigianato. Saranno poi introdotti alcuni sistemi di premialità: 3 punti per l’imprenditoria femminile, 5 per gli under 35 ed altri punti in più per chi venderà i prodotti alimentari tradizionali della festa e quelli tipici della regione.
Vogliamo rilanciare la manifestazione e questo bando è importante per gli operatori che hanno subito i disagi della crisi ma anche per i romani. La situazione che abbiamo trovato era quella legata all’avviso pubblico del 2017, con durata 9 anni, che metteva a bando 64 postazioni. Molte di queste, però, non sono state mai occupate. Con il nuovo bando introduciamo punteggi in più per le donne e per il giovani sotto i 35 anni oltre a quelli per chi si adeguerà al Testo unico del Commercio (Tuc) introducendo prodotti alimentari e tradizionali”.
C’è il nodo delle anzianità che, fino a oggi, ha finito per avvantaggiare le famiglie storiche del commercio. A questo, Lucarelli spiega: “la somma delle due massime anzianità, di licenza e di parcheggio, peserà al massimo per 20 punti. È un obbligo dovuto ad un regolamento regionale sommato ad una sentenza del Tar dell’agosto scorso. Ma le anzianità non si potranno sfruttare in caso di eccessivi passaggi di proprietà. E se alcune postazioni resteranno ancora vuote introdurremo un meccanismo per scalare

 

LINK VIDEO: LA CONFERENZA STAMPA INTEGRALE DELL’ASSESSORE LUCARELLI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *