• domenica 4 Dicembre 2022 16:29
Meloni giura

 

Per le casualità della vita, lunedì sarà a Roma e il presidente della Repubblica Francese, Emmanuel Macron, potrebbe essere il primo leader europeo a incontrare la neo premier, Giorgia Meloni. Senza sbilanciarsi, però, il Capo dello Stato francese, durante la conferenza stampa che ha seguito la conclusione del Consiglio europeo, rispondendo ad una domanda sul suo prossimo viaggio a Roma ha anche detto: “Vedrò la presidente del consiglio italiano intorno a questo tavolo. Sono assolutamente pronto a lavorare con lei”.
Posizione analoga viene espressa dal cancelliere tedesco, Olaf Scholz: “Lavoriamo insieme come Unione Europea. L’essenza della democrazia è la cooperazione. Come in ogni democrazia, ci sono le elezioni. Ma questo non rovina rapporti con gli altri Paesi, come non li rovinano con l’Italia. Avremo una buona cooperazione tra i due Paesi, così come con gli altri membri Ue”.
Decisamente più “calorosi” i complimenti arrivati a strettissimo giro dalla Polonia e dall’Ungheria. La presidente ungherese, Katalin Novák, sul proprio profilo twitter posta una fotografia che la ritrae insieme a Meloni commendando: “Ho appena parlato con Giorgia Meloni, la mia alleata e amica di lunga data, con la quale voglio congratularmi per la sua nomina a Presidente del Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana, prima donna della storia”.
Da Bruxelles si fa sentire anche il premier polacco, Mateusz Morawiecki: “Grazie Giorgia per le tue parole coraggiose sull’Ucraina. Italia e Polonia lavoreranno fianco a fianco e andranno insieme verso il futuro. L’unità tra noi è molto importante. Avere un alleato e un’amica come Giorgia è un onore”. Durante la conferenza stampa al termine del vertice europeo, rispondendo ad una domanda sul governo italiano in via di formazione alla luce delle polemiche dei giorni scorsi sulle esternazioni filo-russe del leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, Morawiecki si è definito “lieto” del fatto che Meloni “rappresenterà l’Italia al prossime vertice di dicembre. È una grande leader – ha spiegato – che condivide con noi gli stessi valori” e che “comprende a fondo le implicazioni della situazione attuale“, quelle di sicurezza sul “fianco orientale della Nato e dell’Ue“, ma anche quelle finanziarie, dovute alla “crisi energetica”.
Ieri intanto in serata è arrivato il verdetto dell’agenzia americana Standard&Poor’s che ha confermato il rating BBB dell’Italia con outlook stabile: un viatico positivo anche in relazione alla velocità con cui è nato il governo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *