• venerdì 17 Settembre 2021 09:45
regione

Alla fine il Comune di Allumiere si arrende e adotta provvedimento amministrativo con il quale sospende gli effetti della graduatoria del Concorso che ha generato lo scandalo Concorsopoli, una dozzina di assunzioni di politici e portaborse, legati principalmente alla corrente Pd della Provincia di Roma, con un concorso, sotto indagine dei magistrati, per irregolarità nella formazione proprio dell graduatorie.
Nello stesso provvedimento, viene anche ricordato come la Giunta comunale abbia dato mandato agli uffici – dopo il parere proveritate richiesto dal sindaco Antonio Pasquini allo studio legale Trippanera di Viterbo che evidenziava palesi vizi nella procedura – di verificare la legittimità degli atti adottati.
La sospensione della graduatoria, di fatto, congela la situazione in attesa di una decisione definitiva: però chi è stato assunto, in Regione Lazio o anche negli altri Comuni che hanno “pescato” dalla viziata graduatoria degli idonei, dovrà quasi certamente rimanere a casa, a disposizione fino a che non venga assunta una decisone definitiva.
Pochi giorni fa, la Procura di Civitavecchia, dopo aver sequestrato quasi una quarantina di cellulari dei vari partecipanti al concorso, ha deciso di adottare, nei confronti del presidente della Commissione esaminatrice, Andrea Mori, il provvedimento del divieto di dimora nei comuni di Tolfa e Ladispoli. 
Lo scandalo Concorsopoli ha travolto anche la Pisana, con le dimissioni di Mauro Buschini (Pd) dalla carica di Presidente del Consiglio regionale e la creazione di una Commissione Trasparenza, guidata da Chiara Colosimo (FdI) che per prima ha sollevato il caso. La Trasparenza regionale proprio la scorsa settimana ha completato un primo ciclo di audizioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *