• venerdì 17 Settembre 2021 08:05

Forse la battuta più politicamente significativa la fa Guido Bertolaso: “Mi dicono che alla fine ho risolto il problema rifiuti a Roma, senza nemmeno diventare sindaco”. Una frase che da sola sintetizza la distanza fra una politica vuota e parolaia che produsse il caos rifiuti a Napoli e ora ha prodotto lo stesso caos rifiuti a Roma e il concreto agire che quei problemi risolse. Napoli, le cui strade solo pochi anni fa erano invase dai rifiuti come quelle romane oggi, uscì da quel caos grazie a Bertolaso. Il cui lavoro, a distanza di anni, consente oggi al capoluogo campano di accogliere 150 tonnellate di rifiuti romani e aiutare Roma vittima oggi delle stesse parole d’ordine che fecero collassare Napoli.

Ovviamente, non mancano le polemiche politiche.

Da Forza Italia attacca il senatore Maurizio Gasparri: “Ha veramente ragione Guido Bertolaso. Se il governo Berlusconi, con Guido Bertolaso impegnato nell’emergenza rifiuti campana, non avesse completato il termovalorizzatore di Acerra” non si potrebbero spedire le 150 tonnellate a Napoli.

Toni simili da Fratelli d’Italia: “abbiamo l’ulteriore conferma dell’azione fallimentare del Sindaco Raggi in tema di rifiuti, costretta da un lato a imporre coattivamente, senza alcun coinvolgimento della popolazione interessata, i rifiuti ad Albano e, dall’altro, ad andare con il cappello in mano in Campania a chiedere di prenderne altri”, afferma il vicepresidente del Consiglio comunale, Francesco Figliomeni, che aggiunge: “Per decenni Napoli e la Campania sono stati l’emblema della peggiore gestione possibile del ciclo dei rifiuti, problema risolto dal governo di centrodestra. Ma oggi, grazie alla Raggi che, ciclicamente afferma che Ama è risanata, persino Napoli si trova nelle condizioni di aiutare la Capitale d’Italia”.

Ancora più duro il vicepresidente della Camera, Fabio Rampelli: “Ricordate l’emergenza rifiuti in Campania, i cumuli di immondizia a Napoli città, gli scontri di piazza, i decreti urgenti in Parlamento? Bene, oggi il capoluogo partenopeo soccorre Roma, una delle poche città occidentali incapace di trasformare il ciclo dei rifiuti in un’opportunità economica e in un modello culturale sostenibile. Il centrodestra aveva portato la differenziata dal 17 al 40%. Zingaretti e Raggi hanno vanificato questo sforzo in un irresponsabile scaricabarile che ha trasformato Roma in una latrina a cielo aperto”.

Da sinistra, a parte l’annuncio dell’assessore regionale ai Riufiti, Massimiliano Valeriani, silenzio dal Pd. Parla solo Stefano Pedica (+Europa) che definisce “una beffa” che sia Napoli ad aiutare Roma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *