• lunedì 2 Agosto 2021 17:28

Zingaretti frena sugli spettatori all’Olimpico: 1000 e blindati

Zingaretti Nicola

Anche il Lazio si adegua e riapre gli stadi: il presidente della Regione, Nicola Zingaretti, con propria ordinanza ha infatti riaperto l’Olimpico sia per Roma-Juventus che per Lazio-Inter in programma la prima questa domenica e la seconda il 4 ottobre prossimo. Ma mentre il dibattito e molte Regioni parlano già di incrementare il numero degli spettatori, nel Lazio viene fissato il limite di 1000 spettatori per gli incontri di calcio professionistico con una serie di prescrizioni: “la presenza di pubblico è consentita solo presso i settori in grado di assicurare la permanenza delle persone presso la postazione seduta pre-assegnata per l’intera durata dell’evento”.

Non sarà consentito assistere alle competizioni in piedi né si potrà scambiare il posto assegnato. Roma e Lazio, in qualità di organizzatori, dovranno garantire la presenza della segnaletica sui posti non utilizzabili, dotare gli steward “di una quota aggiuntiva di mascherine da mettere eventualmente a disposizione del pubblico in caso di necessità”, prevedere “uno scaglionamento a gruppi degli spettatori nella fase di deflusso al termine della manifestazione, tramite un programma diffuso dallo speaker e coordinato dal personale di vigilanza”. Altre prescrizioni, ormai quotidiana: termoscanner all’ingresso e percorsi separati per entrata e uscita per evitare incroci di persone o assembramenti. Ovviamente dovranno essere predisposti i sediolini distanziati a meno che non ci siano persone “che in base alle disposizioni vigenti non siano soggette al distanziamento interpersonale”. Disposizioni anche per l’acquisto dei biglietti: solo online o in prevendita, niente biglietteria dell’Olimpico. Biglietti nominali con assegnazione del posto a sedere numerato. “Anche gli accrediti emessi a favore di categorie specifiche (stampa, disabili, sponsor, etc.) sono gestiti nominalmente”. Niente bar o punti ristoro: solo “il bruscolinaro” che passa fra i sedili. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *