• martedì 22 Giugno 2021 21:56

 

Una cosa è rimasta sempre funzionante a Roma indipendentemente dai Sindaci e partiti che si sono succeduti in Campidoglio: la cultura e le sue istituzioni. Ora, quasi fosse un’Ama qualunque, il quinquennio dei 5Stelle in Campidoglio, segna anche il Teatro di Roma che va nel caos: salta un primo direttore a novembre scorso (Giorgio Barbieri Corsetti), salta due giorni fa il direttore designato (Pier Francesco Pinelli), la maggiore indiziata a succedergli (Francesca Corona) non avrebbe i requisiti. In più, esattamente con lo stesso cliché delle partecipate, i bilanci sono stati approvati in ritardo, al quinto tentativo e con il voto contrario del Ministero della Cultura (uno dei tre soci del Teatro insieme a Regione e Comune) e con rilievi pesantissimi sulla tenuta della contabilità da parte dei revisori dei conti.

Il curriculum di Francesca Corona
Ora spunta un brogliaccio legale, chiesto dal presidente del Teatro, Ernesto Bevilacqua, a uno degli studi di avvocati consulenti dell’attuale management della struttura che, con linguaggio molto diplomatico, stronca proprio le consulenze disposte dallo stesso Bevilacqua.
Nell’”opinione” legale (non è un parere), firmata dallo Studio Scordino De Bellis (qui il testo completo), gli avvocati specificano che, per quanto siano sotto la soglia minima di 40mila euro, tutti i contratti, compresi quelli di assistenza legale, finanziaria e artistica, devono essere accompagnati “da una precisa motivazione che specifichi quanto meno il perché della scelta e l’assenza di personale interno qualificato”. Quelli di manutenzione o progettuali, invece non possono essere reiterati anno dopo anno e  devono garantire la “partecipazione di microimprese, piccole e medie imprese”.
Oggi pomeriggio nuovo CdA che dovrebbe scegliere il nuovo direttore e sarà interessante vedere come si schiererà la Regione se, come in passato con il Campidoglio, o invece con il Ministero della Cultura ipercritico con il management.
In lizza ci sono Francesca Corona, consulente al Teatro India, e il regista Luca De Fusco. Secondo il capogruppo FdI in Commissione Cultura alla Camera, Federico Mollicone e il capogruppo in Campidoglio, Andrea De Priamo, la Corona non avrebbe i requisiti per essere nominata essendo “una consulente con un solo anno di teatro attestato nel curriculum anziché i 5 richiesti dal bando. Ci chiediamo cosa aspettino Ministero e Regione a chiedere le dimissioni del presidente Bevilacqua. Giovedì prossimo nel question time alla Camera presenteremo altri atti. Sull’”opinione legale, l’Anac batta un colpo”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *