• sabato 23 Ottobre 2021 23:32

Slitta l’assestamento di Bilancio del Campidoglio, ultimo atto di un certo rilievo dell’Amministrazione Raggi prima della conclusione della consiliatura e delle elezioni comunali. Ieri, seduta della Commissione Bilancio che doveva esprimere il parere sull’assestamento. Parere negativo, con i 5Stelle – ormai non più maggioranza non solo in Aula ma neanche nelle Commissioni – che vanno sotto. Contrari al progetto presentato dall’assessore al Bilancio, Gianni Lemmetti, in cinque, cioè Valeria Baglio e Orlando Corsetti del Pd, Davide Bordoni della Lega, Francesco Figliomeni di Fratelli d’Italia, e Monica Montella, ex 5Stelle ora Gruppo Misto. A favore solo quattro pentastellati.
Risultato: nel pomeriggio di ieri, nella capigruppo che doveva decidere la calendarizzazione dei lavori delle prossime sedute del Consiglio comunale, il capogruppo grillino, Giuliano Pacetti, chiede di rinviare di una settimana la discussione.
I numeri zoppicanti in Aula (20 grillini superstiti contro 29 delle opposizioni) e la ventilata possibilità di centinaia di emendamenti da parte degli altri gruppi politici spingono i 5Stelle verso il posticipo alla ricerca di qualche convergenza. Oppure verso il sacrificio politico: l’assestamento va approvato entro fine mese, pena scioglimento del Consiglio stesso. Ma visto che oramai siamo in conclusione di consiliatura e che le procedure di scioglimento per la mancata approvazione dei bilanci richiedono almeno due mesi, meglio sacrificare il mantra grillino dei bilanci approvati per tempo che rischiare un sonoro schiaffo in aula.
Ovviamente, le opposizioni ricominciano il balletto sul cadavere politico della fu maggioranza grillina.
Dal Pd, attaccano Baglio e Corsetti: “La Raggi non ha più una maggioranza e le ultime settimane si avviano ad essere sempre più sofferenti per la città”.
Stesso tenore da Fratelli d’Italia: “Questa bocciatura è l’ulteriore conferma che La Raggi non ha più una maggioranza. Occorre mandarla a casa”, per il capogruppo Andrea De Priamo, mentre per Francesco Figliomeni: “dopo cinque anni, siamo stanchi di sentire la solita narrazione grillina sul bilancio”.
Dalla Lega, Davide Bordoni, invoca le “dimissioni” della Raggi, mentre, da ultimo, da Forza Italia, attacca il senatore Maurizio Gasparri: “La Raggi non ha più i numeri per governare in Campidoglio da tempo, così come non ne ha la capacità da sempre. Se ne dovrebbe andare con uno scatto di orgoglio e di dignità, se ne avesse ovviamente”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *